SEI QUI: Home - Editoriale - Continua il massacro bresciano ma i Cabs non mollano!

Continua il massacro bresciano ma i Cabs non mollano!


Nelle ultime settimane si sono svolte le operazioni del CABS a Brescia e grazie al suo impegno e gli interventi tempestivi dei carabinieri forestali, bracconieri ed “uccellatori professionisti” se cosi possiamo chiamarli, continuano a non avere la vita facile.

Cabs Italia L’antibracconaggio: “su nostra segnalazione i Carabinieri Forestali sono riusciti a denunciare alcuni uccellatori professionisti, ma anche cacciatori che avevano davvero esagerato. Persone con licenza di caccia che dal loro capanno, con l’uso di uccelli da richiamo protetti, sparavano sistematicamente a frosoni, fringuelli, peppole, lucherini. In casa di uno di costoro sono stati rinvenuti 680 uccelli protetti già spennati e impacchettati (Foto: pettirossi e frosoni riconoscibili dalle dimensioni del becco). Tutte le persone sono state denunciate e stante la normativa, dovrebbero perdere la licenza di caccia.”

Termoli Wild in collaborazione con Cabs Italia l’antibracconaggio

Altri documenti

Non ci sono documenti da scaricare

Articoli correlati

Non sono stati trovati articoli correlati