SEI QUI: Home - Editoriale - Termoli Wild & Wild life school ospiti dell’istituto scolastico M.Brigida, grande l’accoglienza e la partecipazione degli alunni e docenti

Termoli Wild & Wild life school ospiti dell’istituto scolastico M.Brigida, grande l’accoglienza e la partecipazione degli alunni e docenti

Termoli scuola media M.Brigida 27 Marzo 2019. Due ore intense dove Ezio Varrassi (pres. di Termoli Wild) Enrico Mascilongo (Assistente tecnico di Termoli Wild) ed Antonio Caprara (pres. della Wild Life school) presidenti delle rispettive associazioni, hanno illustrato il territorio strappando applausi e curiosità agli alunni di terza media. Ezio Varrassi durante l’incontro ha illustrato alcune criticità del territorio, spaziando dall’inquinamento ambientale alle bellezze naturali che abbiamo, e che meriterebbero più considerazione da parte delle istituzioni. Preziosio è stato il contributo di Antonio Caprara con diverse tematiche trattate, tra queste, alcuni cenni sulle varie tecniche di sopravvivenza, il lupo, presentato ai ragazzi non come un animale pericoloso e assetato di sangue, ma come un animale timido, importantissimo per l’ambiente e l’ecosistema. Fino ad arrivare al cinghiale, altro animale spesso causa di devastazione dei campi agricoli e purtroppo “responsabile” di incidenti stradali. Durante l’incontro da sottolineare la straordinaria partecipazione dei ragazzi e dei docenti, svariate sono state le domande, partendo dal tunnel, passando per il parco comunale, le leggende del borgo antico, fino ad arrivare alla costa molisana e al vicino entroterra.

Il modulo del progetto PON “Educare alla bellezza attraverso la convivenza” sviluppato dai professori Angela Del Vecchio e Rino Greco (esperti) e dalla prof.ssa Luciana Giuliano (tutor):

“Potenziamento dell’educazione al patrimonio culturale, artistico, paesaggistico” e nello specifico il modulo “Educare alla bellezza per imparare la convivenza”, attivato nella scuola secondaria di primo grado Bernacchia-Brigida di Termoli, nasce dalla premessa di far “riscoprire” alle giovani generazioni il bello e la ricchezza insita in ciò che li circonda e di cui, purtroppo, non si rendono conto. E’ fondamentale riscoprire l’ambiente, il paesaggio, il patrimonio artistico e culturale locale, le leggende e le tradizioni popolari del territorio, e valorizzare questa enorme ricchezza. Si riscontra un disinteresse sempre più diffuso rispetto al valore sociale ed estetico del paesaggio e del patrimonio ambientale, artistico e culturale del Paese in cui si vive, per cui è importante modificare nelle persone questo atteggiamento. Occorre, di conseguenza, evitare il degrado, la dispersione e la perdita dei beni e delle ricchezze del territorio per mancanza di conoscenza, rispetto e attenzione, sensibilizzando i cittadini ad una migliore interazione con l’ambiente, con lo scopo di migliorare anche le relazioni umane e sociali che all’interno di esso si sviluppano. E’ necessario per gli alunni ripercorrere attraverso la conoscenza del patrimonio locale e i diversi linguaggi, il senso della bellezza e della sua percezione. La sensibilità al bello è sempre il risultato di valori, di storie personali e di formazione culturale integrale. La scuola in quanto sistema di continuo confronto con i bisogni essenziali delle nuove generazioni, può costituire un luogo privilegiato per la promozione di valori estetici e per la discriminazione raffinata dei piani osservativi della realtà circostante. Poiché sono poche le occasioni di riflessione critica e di comportamento attivo che possano superare gli stereotipi fisici e gestuali dell;odierna società dominata dalle logiche di mercato e di potere, è quanto mai necessario per la scuola intraprendere un cammino che sensibilizzi e offra stimoli adeguati per conoscere e apprezzare la bellezza di ciò che ci circonda e dell'ambiente in cui viviamo. Il modulo, sviluppato anche in lingua inglese, prevede attività laboratoriali e di scoperta del territorio e del suo patrimonio artistico-culturale, con la finalità di sviluppare negli alunni;elemento estetico, emozionale, sensoriale, poetico ed immaginativo.

l’incontro è stato trasmesso in diretta sulla pagina facebook di TermoliWild.it

Ezio Varrassi: Un ringraziamento speciale va al Dirigente scolastico prof.ssa Matilde Tartaglia, alla prof.ssa Angela del Vecchio, alla prof.ssa Luciana Giuliano, al prof. Rino Greco e a tutti gli alunni per averci ospitato nell’istituto scolastico M.Brigida di Termoli… il futuro del pianeta è nelle mani di questi ragazzi, durante l’incontro ho notato una grande partecipazione ed una voglia di conoscere il territorio al di fuori della norma… non vediamo l’ora di organizzare il prossimo incontro.

di Ezio Varrassi