SEI QUI: Home - News - Termoli Wild food 5°puntata: Azienda Agricola Di Vito (2°parte)

Termoli Wild food 5°puntata: Azienda Agricola Di Vito (2°parte)


In questa quinta puntata di Termoli Wild food, siamo tornati a trovare i fratelli Di Vito, Luigi, Franco e Gabriele, per realizzare attraverso la loro esperienza decennale nel settore agricolo, il secondo reportage dedicato alle loro colture, incluse le varie tecniche di coltivazione, fino ad arrivare ai loro prodotti, tra i più pregiati della nostra Regione.

Azienda Agricola Di Vito

In una delle più belle zone del Molise, tra le colline litoranee di Campomarino, si trova l’azienda Agricola Di Vito. Anticamente posta sul mare, Campomarino, dista oggi dalla costa un paio di km. Negli anni è venuta crescendo, a ridosso della splendida spiaggia, una località dotata di infrastrutture e servizi turistici di prim’ordine.

Il territorio si colloca tra i fiumi Biferno a nord e Fortore a sud, poco più a nord del torrente Saccione che segna il confine tra Molise e Puglia, sorge a circa 80 m. s.l.m., nella zona altimetrica della collina litoranea, in una zona prevalentemente pianeggiante. Il clima è di tipo mediterraneo. L’umidità è presente sempre con un tasso molto elevato; durante il periodo estivo la temperatura è comunque mitigata dalle brezze marine e durante l’inverno vi è un clima temperato.

Grazie alle favorevoli condizioni atmosferiche che caratterizzano il paese, è possibile la coltivazione di numerose colture. Immersa in questo splendido scenario da circa 30 anni l’azienda Di Vito, è sinonimo di tradizione ed innovazione. Col passare degli anni l’impianto per la lavorazione delle olive viene modificato passando dall’estrazione col sistema tradizionale a quello continuo, prima con la lavorazione a tre fasi per poi passare, cambiando sempre Decanter per l’estrazione e per stare al passo coi tempi, alla lavorazione a due fasi; questo per migliorare sempre la qualità dell’olio. Il centro aziendale dista circa 2 km dal centro abitato di Campomarino, ed è composto da diversi capannoni dove avviene la trasformazione delle olive e la commercializzazione dell’olio, il rimessaggio di tutto il parco macchine per la lavorazione dei terreni e il deposito delle derrate agricole. Adiacente a queste strutture vi è la casa colonica per l’abitazione del nucleo familiare. Su 8 ettari, l’azienda coltiva in proprio, con un sistema di allevamento a vaso basso, circa 2000 piante di olive di varietà diverse: Leccino, Gentile di Larino, Peranzana, Nociara, Frantoio.

L’Oleificio Di Vito segue scrupolosamente ogni fase della produzione, dalla raccolta alla lavorazione nel frantoio, garantendo sempre un olio di alta qualità. Prima di procedere all’estrazione, le olive vengono separate dal fogliame residuo attraverso macchine automatiche ad aspirazione, segue poi un lavaggio con circolazione forzata di acqua che elimina i residui e le impurità.

A questo punto le olive sono pronte per passare alla fase estrattiva, che avviene attraverso il metodo della centrifugazione (Decanter), il quale, sfruttando il diverso peso specifico dei singoli componenti, conduce alla separazione di componente oleosa, sansa e acqua di vegetazione, ottenendo così un olio ricco di sostanze naturali come quelle antiossidanti (polifenoli) e aromatiche, dal colore giallo limpido con riflessi verdi con bassa acidità, dal gusto fruttato leggero a fruttato medio.

Il progetto “Termoli Wild food” è stato ideato da Ezio Varrassi con lo scopo di promuovere l’economia locale, i prodotti locali ed il territorio del Molise – i fondi che raccogliamo con questi documentari sono destinati a finanziare le attività dell’associazione Termoli Wild (ambiente, storia del territorio, didattica, natura, animazione ed iniziative sociali) per info tel. 3491835366 pagina FB & Istagram TermoliWild.it www.termoliwild.it

La terza parte del documentario è già in lavorazione, con la regia, le riprese, il montaggio video e la fotografia a cura di Ezio Varrassi vi auguriamo buona visione!

di Ezio Varrassi

Altri documenti

Non ci sono documenti da scaricare

Articoli correlati

Non sono stati trovati articoli correlati