SEI QUI: Home - Editoriale - TERMOLIWILD: nasce una nuova testata giornalistica

TERMOLIWILD: nasce una nuova testata giornalistica

Nel rispetto delle norme deontologiche ed ordinamentali Termoli Wild ha accolto l’invito del presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Molise, prof. Vincenzo Cimino e per “non danneggiare il decoro, l’immagine dell’ordine e dei suoi iscritti e nuoce anche a chi si affaccia o studia per avviarsi alla professione”, l’editore Ezio Varrassi, nonché presidente dell’omonima associazione Termoli Wild, si è subito attivato alla regolarizzazione della testata, nei modi, nelle forme e nei termini previsti dalla legge. Nonostante la pandemia e considerando le enormi difficoltà del momento, la richiesta è stata depositata in data 23.04.21 presso la cancelleria del Tribunale di Larino. Verificata la regolarità della documentazione comprovante l’esistenza di tutti i requisiti richiesti dall’art.5 della legge 8.2.1948 n.47 recante “Disposizioni sulla stampa, il presidente del Tribunale di Larino, con Decreto di accoglimento ha ordinato l’iscrizione del periodo Termoli Wild (n. cronologico 395/2021, RG 218/2021) nell’apposito registro della stampa al n. 2 del 12 maggio 2021.

A dirigere questa nuova testata giornalistica l’editore ha pensato al sottoscritto con una esperienza venticinquennale iniziata con il “Corriere del Molise” per proseguire con “Il Roma”, con la “Rotopress” Agenzia Giornalistica Quotidiana di Informazione per la Stampa – per la pagina “Sportissimo” de “Il Tempo”, il “Nuovo Molise Oggi”, “Il Nuovo Molise” e con la redazione giornalistica di “Radio Canale 102”, emittente radiofonica di Termoli.

Appassionato di sport, in particolare del calcio ho scritto due libri sulla squadra della mia cittadina (Campomarino) in uscita nei prossimi mesi un terzo che parla sulla conquista della 22^ edizione della “Molise Cup” (stagione sportiva 2015/16).

Innanzitutto, sono orgoglioso e grato all’amico Ezio per avermi dato questa nuova opportunità ardua e difficile soprattutto per le tematiche ambientali che affronta in una piazza come Termoli e d’intorni con migliaia di visualizzazioni sui vari canali social…una sfida molto impegnativa!!! Allo stesso tempo un particolare ringraziamento al presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Molise, l’amico Enzo per avermi “sopportato e supportato” in questi mesi. Per me è stato molto importante e l’ho apprezzato più di quanto si possa immaginare soprattutto per i suoi preziosi consigli e suggerimenti forniti dimostrando grande professionalità e ai tanti collaboratori, molto spesso anonimi ma bravi e coraggiosi, che ci accompagneranno in questa nuova avventura dedicando ore e tempo libero per un futuro migliore.

Termoli Wild divulgherà fatti e notizie con un solo obiettivo: comunicare con chiarezza per dare un servizio di qualità ai nostri lettori. Questo nuovo progetto editoriale dovrà essere competente e lucido capace di gestire le informazioni nel migliore modo possibile, usando la Regola delle 5W e 1H: Who? (Chi?); What? (Che cosa?); When? (Quando?); Where? (Dove?); Why? (Perché?) e How? (Come?) una tecnica presa in prestito dallo stile giornalistico anglosassone, uno strumento prezioso che ogni giornalista dovrebbe porsi per comprendere bene la situazione ed elaborarla. Da associazione a blog a testata giornalistica continueremo a dar voce al cittadino e ad indagare sul territorio per quanto concerne il degrado urbano e l’inquinamento ambientale con i migliori esperti del territorio perché crediamo in un ambiente ed un posto migliore in cui vivere

All’interno del sito sono già attive diverse rubriche con notizie, video, approfondimenti e curiosità su diverse tematiche. Fiore all’occhiello è “Scopri il Molise”, un interessante e ambizioso progetto ideato dall’editore Ezio Varrassi. Si tratta di una serie di documentari dedicati alla promozione del territorio (enogastronomia, natura, geografia, storia del territorio, tradizioni popolari, leggende, usi e costumi nonché racconti popolari dei borghi antichi) per i comuni della provincia di Campobasso e non solo. Attualmente sono stati realizzati diciotto documentari, dodici nel basso Molise (San Giacomo degli Schiavoni e Montecilfone) e sei nella provincia di Isernia (Cerro al Volturno) in collaborazione con l’emittente social Zona Rossa Webtv (quest’ultima per quanto concerne i documentari dedicati a Cerro al Volturno) riscuotendo ampi consensi di pubblico e critica sulle varie piattaforme social.

È possibile interagire con noi anche con i social network Facebook, Instagram e You Tube.

Buona lettura a tutti!

Emilio Beltotto, direttore responsabile Termoli Wild