I Roccocò di Rossella De Rosa

I roccocò sono dei biscotti secchi con mandorle, propri della tradizione napoletana ma entrati nell’uso durante le nostre festività natalizie anche qui in Molise.

Rossella De Rosa: “Personalmente ho appreso la ricetta parecchi anni fa da una mia insegnante di Portici: allora qui non era in commercio il pisto, un miscuglio di spezie profumatissimo senza il quale questi biscotti non sarebbero così buoni, ma la mia Prof. mi  inviò questa prelibatezza via posta ordinaria e scoprii così come fosse semplice realizzare questi dolcetti che erano rimasti nella mia memoria di bambina quando, per un periodo, vissi a Portici. La ricetta che propongo è personalizzata: i biscotti non verranno duri ma morbidi.”

Ingredienti:

1 Kg di farina

500 gr di zucchero

500 gr di miele

500 gr di mandorle pelate e tostate

1 bustina di 20 gr di PISTO (una polvere profumatissima  composta da cannella, chiodi di garofano, pepe bianco e noce moscata: si trova in commercio anche nei supermercati).

Ammoniaca: 2 gr

100 gr di acqua

uovo per spennellare i biscotti prima di infornarli

Preparazione:

Sciogliere sul fuoco il miele con lo zucchero e l’acqua, senza portare ad ebollizione.

Sulla spianatoia mettere il fiore (la farina), l’ ammoniaca, il pisto e le mandorle un pò intere e un pò tritate grossolanamente.

Mischiare bene e formare una fontana. Versarvi intiepidito il miele sciolto con zucchero e acqua.

Amalgamare il tutto: se il composto risulta appiccicoso, unirvi altra farina finché si riuscirà a lavorare e a formare un panetto morbido.

Formare delle ciambelle di circa 80 g di peso. Spennellare con il tuorlo e cuocere in forno preriscaldato a 175° per 12 minuti.

Se gradite i rococò più duri, basta lasciarli qualche minuto in più nel forno.

Li consiglio accompagnati da uno spumantino o da un vin santo.

Vi auguro buon Natale con i miei roccocò!!

Rossella De Rosa

Ti è piaciuto? Condividilo!
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on reddit
Share on whatsapp
Share on telegram