SEI QUI: Home - News - Le ricette di Giuliana Ragone: Costolette alla Sassone (ricetta tedesca)

Le ricette di Giuliana Ragone: Costolette alla Sassone (ricetta tedesca)

Appassionati della cucina fatta in casa vi presentiamo una ricetta (tedesca) di Giuliana Ragone: Costolette alla Sassone.

La Sassonia è una storica regione della Germania Centro-Orientale ed il suo nome è derivato dai suoi abitanti: i sassoni che nel corso della storia unificarono il suo territorio. Oggi l'antica Sassonia storica è quasi interamente compresa nella Germania Orientale ed è un importante centro industriale. La gastronomia di questa regione è nota per le ottime salsicce e per il Mumme, una birra dolce-amara senza luppolo fabbricata in Sassonia da più di 600 anni.

Ingredienti:

4 costolette di vitello

1 kg di patate

4 cucchiai di farina

60 g di burro

150 g di pancetta

4 cipolle

Prezzemolo - erba cipollina

4 uova

1/2 di latte

Noce moscata (q.b.)

Sale e pepe (q.b.)

Preparazione:

Lavate le patate e fatele lessare in acqua salata per circa un'ora poi scolatele, fatele raffreddare e sbucciatele con cura; spianate leggermente le costolette con il batticarne, cospargete con sale e pepe e infine passatele nella farina. Fatele dorare in un tegame con il burro per circa 10 minuti per parte, quindi togliete e tenetele in caldo, successivamente fate rosolare nel fondo di cottura della carne la pancetta tagliata a dadini. Unite le patate tagliate a fette e cipolle tritate finemente lasciando rosolare il tutto per 10 minuti, poi cospargete con prezzemolo tritato. Disponete le costolette in una teglia e ricopritele con il soffritto di patate e cipolle. Per la salsa sbattete in una scodella le uova con il latte, quindi unite una presa di sale la noce moscata e l'erba cipollina tagliata finemente. Versate la salsa sulle patate coprite la teglia e passare in forno caldo per 10 minuti a 220°, poi togliete il coperchio e completate la cottura per altri 10 minuti. Se avete eseguito correttamente tutti i passaggi della preparazione, non ci rimane altro che augurarvi buon appetito e arrivederci alla prossima ricetta!

Ezio Varrassi