SEI QUI: Home - News - Termini Imerese: sorpreso a bordo dell’autovettura con dei cardellini selvatici, indagato in stato di libertà

Termini Imerese: sorpreso a bordo dell’autovettura con dei cardellini selvatici, indagato in stato di libertà

Comunicato stampa del 5 Ottobre 2021 LAC - Lega per l'Abolizione della caccia: La Polizia di Stato ha recuperato 9 cardellini, di cui 8 sottratti, in precedenza, alla fauna selvatica e trasportati a bordo di vettura, in condizione incompatibili con la loro natura da un palermitano residente a Termini Imerese.
A scoprire l’illecito e sanzionare il responsabile dell’indebita condotta, sono stati i poliziotti del Commissariato di P.S. “Termini Imerese” che, durante un posto di controllo effettuato nei pressi dello svincolo autostradale A19 dell’agglomerato industriale di Termini Imerese, hanno proceduto al controllo di una autovettura condotta da un 59enne cittadino termitano. Durante il sommario controllo effettuato all’interno del mezzo sono stati rinvenuti, stipati nel cofano posteriore, 9 cardellini, appartenenti a categorie di specie protetta, non detenibili senza l’opportuna certificazione CITES. I volatili erano suddivisi in due gabbie di piccole dimensioni, la prima contenente 8 cardellini e la seconda contenente 1 cardellino da richiamo. Appurata la mancata certificazione di detenzione dei volatili da parte dell’uomo, gli agenti, tramite Centrale Operativa, hanno richiesto l’intervento degli enti di riferimento in materia faunistica, nonché l’intervento di personale medico veterinario dell’ASP competente territorialmente. Il medico veterinario dell’Asp di Palermo, intervenuto sul posto, oltre a confermare la natura protetta della specie in questione, appartenente alla famiglia dei “fringillidi”, ne ha accertato il buono stato di salute.
Pertanto, così come disposto dall’Autorità Giudiziaria, gli 8 cardellini catturati in precedenza sono stati rimessi in libertà in un luogo idoneo al loro habitat naturale, mentre il cardellino da richiamo è stato affidato a personale del Corpo Forestale, che ha provveduto al trasporto presso il Centro di Recupero Fauna Selvatica di Ficuzza (PA).